Ricerca personalizzata

domenica 15 aprile 2012

Internazionale Napoli

L'Unione Sportiva Internazionale Napoli viene fondata nel 1911 dalla componente inglese del Naples Football Club che si separa dal club originario. Vengono adottati come colori sociali il blu scuro e il bianco. Il terreno di gioco è a Bagnoli. L'Internazionale Napoli partecipa al campionato di massima serie dal 1912 al 1922. Nel 1922, per ragioni finanziarie, la frattura tra la componente italiana e quella inglese viene ricomposta dal momento che l'Internazionale Napoli e il Naples si fondono dando vita all'FBC Internaples.

File:Internazionale 1912.jpg
Formazione dell'Internazionale Napoli - 1912

Naples

Il Naples Football Club viene fondato a Napoli nel 1904 dall'inglese William Poths. I colori sociali sono il blu-celeste. Si tratta della prima società calcistica sorta nella città partenopea. Essa partecipa al campionato di massima serie dal 1913 fino al 1922. Nel 1923 avviene la fusione con l'altra formazione cittadina, l'Internazionale Napoli, a formare la compagine dell'Internaples

lunedì 9 aprile 2012

Alba

L'Alba è una società calcistica di Roma fondata nel 1906. I colori sociali sono il verde e il bianco. La sede della squadra e ritrovo della tifoseria è l'osteria di Umberto Farneti situata nel quartiere Flaminio. Farneti è il proprietario dell'Alba ed è uno dei pochi presidenti dell'epoca che paga i propri giocatori in un periodo dove il football non è ancora diventato uno sport professionistico. La squadra ottiene anche risultati prestigiosi come il raggiungimento della finale per lo scudetto nel 1925 e nel 1926 perdendo, purtroppo, entrambe le gare. Nel 1926 si fonde con l'Audace formando l'Unione Sportiva Alba Audace (Alba Audace Esperia). Nel 1927, dalla fusione tra quest'ultima, la Fortitudo Pro Roma e il Roman, prende vita l'AS Roma. Viene comunque rifondata negli anni '30 come Associazione Sportiva Alba ripartendo dai campionati regionali laziali. Nel 1938-39 raggiunge la promozione in serie C. Nel dopoguerra, cercando di imporsi come terza forza della Capitale (con Lazio e Roma), assorbe l'Ala Roma (1945) diventando Associazione Sportiva Alba Ala Roma. Nel 1946 assorbe anche la Trastevere Roma e l'Italia Libera e viene promossa in serie B bassitalia col nome di Alba Trastevere.

Roman

Il Roman Football Club è una società calcistica che nasce a Roma, nei quartieri Parioli, nel 1899. I colori sociali sono il giallo-oro e rosso-porpora. Lo stadio è il "Due Pini". La squadra non raggiunge particolari traguardi se non un primo posto nel Campionato Laziale di prima categoria nel 1915. Nel 1927 il Roman si fonde con l'Unione Sportiva Alba Audace (Alba Audace Esperia) e la Fortitudo Pro Roma per dare vita alla AS Roma (Associazione Sportiva Roma).
File:Simbolo-Roman.gif
Simbolo del ROMAN


File:USRoman.jpg
Una formazione del ROMAN dei primi del '900

lunedì 6 febbraio 2012

Pro Roma

La Società Sportiva Pro Roma viene fondata a Roma il 28 agosto del 1911 dalle ceneri del Club Sportivo Ardor. La sezione calcio, la cui divisa è bianca con risvolto nero, partecipa al primo campionato di massima serie nella stagione 1912/13. Il terreno di gioco è dapprima il campo di Piazza d'Armi, successivamente sostituito, nel 1912, dal campo di Via Ostiense 9. L'11 aprile del 1915 viene inaugurato lo stadio Flaminio.
Nel 1921/22 la Pro Roma retrocede in Seconda Divisione ritornando in serie A solamente nella stagione 1923/24. Nel 1926, per volere del regime Fascista, si fonde con la Fortitudo dando vita alla Fortitudo Pro Roma. Il 22 luglio del 1927 si fonde con Roman e Alba-Audace Esperia per dare vita alla Roma.

File:Formazione proroma.jpg
Una formazione della Pro Roma

Audace Esperia

L'Audace Esperia rappresenta la sezione calcio della Società Polisportiva Audace Esperia nata a Roma nel 1911. La squadra di calcio prende parte al primo torneo di massima serie nella stagione 1912/13 e partecipa a tutti i campionati fino alla stagione 1921/22. Nel 1914 assume la denominazione di Audace Roma.
Dopo il 1921/22 l'Audace Roma retrocede in Seconda Divisione ritornando nella massima serie nel 1924/25. Nel 1925/26 l'Audace Roma viene costretta dal regime Fascista a fondersi con l'Alba. Quest'ultima si fonderà poi con Roman e Fortitudo Pro Roma per dare vita alla Roma il 22 luglio del 1927. I colori sociali dell'Audace Roma sono il bianco e il rosso con lo scudo sormontato dall'insegna della Lupa etrusca.

Pisa

La Società Sportiva Etruria viene fondata nell'inverno del 1908 da alcuni ragazzi che si ritrovano sul prato della piazza di San Paolo a Ripa d'Arno dando vita al gioco del calcio nella città di Pisa.
Altra formazione di Pisa è il Pisa Football Club, nato per volontà di alcuni studenti universitari.
Nell'aprile del 1909, dalla fusione tra l'Etruria e il Pisa Football Club, nasce il Pisa Sporting Club per volontà di Enrico Canti che ne diviene anche il primo presidente.

File:PisaSportingClub 1909.jpg
Pisa Sporting Club - 1909

I colori sociali sono inizialmente il bianco ed il rosso. Successivamente vengono adottati in nero e l'azzurro in onore dell'Internazionale vincitrice del campionato di massima serie nella stagione 1909-1910.
Il primo terreno di gioco è il terreno della Piazza d'Armi (attuale Cittadella Vecchia). Altri terreni di gioco impiegati sono i campi del Velodromo Stampace (davanti alla chiesa di San Paolo a Ripa d'Arno) e del campo Abetone inaugurato nel dicembre del 1914. Quest'ultimo viene utilizzato fino al 1919. Il 26 ottobre del 1919 viene inaugurato quello che poi diventerà lo stadio dove ancora oggi gioca la formazione pisana, ovvero l'Arena Garibaldi. Il Pisa prende parte al primo torneo di massima serie nella stagione 1912/13. Tra i risultati di maggior rilievo ricordiamo : la finalissima (persa) del campionato di serie A contro la Pro Vercelli nella stagione 1920/21, 2 Mitropa Cup ( 1985/86 ; 1987/88) , 1 Coppa Italia di Serie C (1999/2000). Tra le note negative ricordiamo invece il fallimento del Pisa Sporting Club nella stagione 1993/94 per dissesto finanziario. Nel 1994 viene fondata la nuova società che assume la denominazione di Associazione Calcio Pisa. Il giocatore con il maggior numero di presenze nella storia del Pisa è Alessandro Mannini (89 presenze). Il giocatore con all'attivo il maggior numero di reti è invece Klaus Berggreen ( 19 reti ).

File:PisaSportingClub 1921.jpg
Formazione del Pisa Sporting Club vice campione d'Italia nella stagione  1920/21

sabato 28 gennaio 2012

Novara

Le società sportive novaresi Società Ginnastica e Scherma, Forza e Speranza, Voluntas e Pro Scalon, all'inizio del secolo scorso, hanno al loro interno anche una sezione dedicata al calcio. Tra il 1905 e il 1906 nasce la Football Associazione Studenti che nel 1908 si trasformerà nel Novara Football Club. La neonata formazione selezionerà, dalle società sportive menzionate prima, i migliori giocatori per dar vita ad una squadra di calcio competitiva. I colori sociali sono inizialmente il bianco e il nero, in omaggio alla formazione piemontese più forte del momento, ovvero la Pro Vercelli. Successivamente viene adottata la maglia azzurra. Anche in questo caso c'è di mezzo la Pro Vercelli : durante una partita amichevole l'arbitro è Milano I, giocatore della Pro Vercelli, che indossa per l'occasione una maglia azzurra e i giocatori del Novara decidono di adottare lo stesso colore per la divisa ufficiale con il nulla osta della federazione.  Il primo terreno di gioco è il campo di Via Lombroso dietro il calzificio Barozzi. Nel 1928 viene inaugurato lo stadio di Via Alcarotti denominato "Littorio". Nel 1997 viene inaugurato lo stadio "Silvio Piola" , in Via Kennedy, dove attualmente disputa le sue gare il Novara dedicato ad uno dei giocatori simbolo della formazione piemontese. Il Novara partecipa al suo primo campionato di massima serie nella stagione 1912/13. Tra i risultati più significativi raggiunti dal Novara abbiamo una vittoria della Supercoppa di Lega di Prima Divisione nella stagione 2009/10. Il giocatore con il maggiore numero di presenze è Antonio Braira con 241 partite. Il giocatore con il maggior numero di reti segnate è invece Silvio Piola con 70 goal realizzati.

File:Silvio Piola.jpg
Silvio Piola

lunedì 23 gennaio 2012

Modena

Nel 1908 sorgono nella città di Modena due club calcistici : L'Associazione Studentesca del Calcio Modena e il Football Club Audax Modena. Tuttavia, a causa delle difficoltà finanziarie ed economiche di queste due società, il 5 aprile del 1912 avviene la fusione tra le due formazioni e nasce il Modena Football Club.
I colori sociali sono il giallo ed il blu. L'attuale campo sportivo del Modena, lo Stadio Alberto Braglia, è stato inaugurato nel 1936. La formazione emiliana prende parte per la prima volta al torneo di massima serie nella stagione 1912/13 arrivando ultima nel girone Veneto-Emiliano. Condannata a retrocedere in Seconda Divisione viene invece ripescata grazie ad un allargamento del campionato. I migliori risultati ottenuti dal Modena nel corso della sua storia sono i seguenti : un 3° posto in serie A nella stagione 1946/47 ; 2 Trofei Anglo-Italiano (nel 1980/81 e nel 1981/82) ; 1 Supercoppa di Lega serie C1 nel 2000/01. Il maggior numero di presenze con la maglia del Modena appartiene a Renato Braglia con 156 presenze. Il giocatore con il maggior numero di reti nella storia del Modena è invece Sergio Brighenti con 81 gol.

File:RenatoBraglia.jpg
Renato Braglia
Sergio Brighenti
  

venerdì 20 gennaio 2012

Virtus Juventusque

La Virtus Juventusque è una squadra fondata a Livorno nel gennaio del 1915. I colori sociali sono inizialmente il  bianco e azzurro per poi diventare il bianco e viola. Il terreno di gioco è il poligono di tiro della Bastia. Dalla stagione 1912/13 fino alla stagione 1914/15 la Virtus Juventusque partecipa al campionato di massima serie. Nel 1915, a campionato ancora in corso, si fonde con l'altra squadra cittadina della Spes Livorno per dare vita all'Unione Sportiva Livorno.

Spes Livorno

La Spes Livorno (Società Per Esercizi Sportivi Livorno) viene fondata il 25 marzo del 1906 grazie all'avvocato Giorgio Campi. I colori sociali sono il verde e il bianco e il terreno di gioco il campo di Fungo (l'attuale Gimnasium). Dalla stagione 1912/13 alla stagione 1914/15  la Spes Livorno partecipa al campionato di massima serie nel girone Toscano dell'Italia Centro Meridionale. Nel 1915, a campionato non ancora ultimato, si fonde con l'altra squadra cittadina della Virtus Juventusque per dar vita all'Unione Sportiva Livorno.

giovedì 19 gennaio 2012

Racing Libertas

Il Racing Libertas è una squadra di calcio milaese fondata nel settembre del 1911 e nata dalla fusione tra il Racing Club Italia e il Libertas Football Club. I colori sociali sono il rosso (divisa casalinga) e il bianco (divisa per le trasferte). La squadra disputa inizialmente i suoi incontri sul terreno di Via Cimarosa per poi trasferirsi, una volta iscritta al campionato di serie A, sul campo di Via Bersaglio (oggi Via Tempesta) a S.Siro. Il Racing Libertas prende parte al suo primo campionato di massima serie nella stagione 1912/13 arrivando ultimo nel girone Ligure-Lombardo e totalizzando un solo punto. In virtù della nuova struttura del torneo stabilita dalla Federazione, il Racing Libertas sarebbe destinato alla retrocessione in Seconda Categoria ma viene ripescato in seguito ad un allargamento del campionato. Il Racing Libertas partecipa successivamente ai campionati del 1913/14 e del 1914/15. Dopo la sospensione del torneo a causa della Prima Guerra Mondiale la società, col nuovo nome di A.C.Libertas, disputa altri tre campionati senza ottenere risultati di rilievo. Nel 1922 l'A.C.Libertas cessa la sua attività.

giovedì 12 gennaio 2012

Campionato del 1912-1913 : Campione d'Italia Pro Vercelli

Il 31 agosto del 1912 viene approvata una nuova riforma riguardante la struttura del campionato di serie A.
Il progetto, che prende il nome dai suoi promotori Vavassori e Faroppa, viene votato all'Assemblea della Federazione con il seguente risultato : 27 voti favorevoli e 21 voti sfavorevoli.
La riforma prevede sostanzialmente che :
  1. Vengono disputati tre gironi regionali (Piemonte, Lombardia-Liguria, Veneto-Emilia) nell'Italia settentrionale ciascuno dei quali può comprendere un massimo di 6 squadre. Le prime due classificate di ciascun girone disputeranno le finali Nord Italia mentre le ultime classificate retrocederanno.
  2. Vengono disputati tre gironi regionali (Toscana, Lazio, Campania) nell'Italia centro- meridionale. Le prime classificate di ciascun girone disputeranno le finali Italia Centro-Meridionale e non vengono previste le retrocessioni per le ultime classificate.
  3. La vincitrice del Nord Italia affronterà in una finalissima la vincitrice del'Italia Centro-Meridionale
La nuova formula consente di partecipare al campionato del 1912/13 molte nuove squadre : Modena, Novara, Racing Libertas, Volontari Venezia, Virtus Juventusque, Spes Livorno, CS Firenze, Pisa, Lazio, Juventus Audax, Esperia, Roman, Pro Roma, Alba, Naples e Internazionale Napoli.
Nonostante le buone intenzioni di allargare il torneo anche alle squadre del centro e sud Italia il divario tra queste formazioni e quelle del Nord è abissale. Pertanto la finalissima che verrà disputata tra la Pro Vercelli e la Lazio sul campo neutro di Genova risulterà una sorta di "pro forma" vista la netta superiorità dei piemontesi vittoriosi col punteggio di 6 reti a 0.
Una piccola curiosità : la Juventus arriverà ultima nel girone Piemontese e verrà pertanto retrocessa in Seconda Categoria. Tuttavia verrà successivamente ripescata (stessa cosa accadrà per Modena e Racing Libertas) grazie ad un allargamento del Campionato. Si pensi che, a causa di questa retrocessione, la Juventus sfiora la crisi societaria e il conseguente scioglimento.

ITALIA SETTENTRIONALE


Girone Piemontese

prima giornata (andata 3 novembre 1912 ) - sesta giornata (ritorno 6 gennaio 1913)
Pro Vercelli - Casale 1-0 (andata) 0-0 (ritorno)
Juventus - Piemonte 1-2 (andata) 1-3 (ritorno)
Novara - Torino 1-2 (andata) 1-3 (ritorno)


seconda giornata (andata 10 novembre 1912) - settima giornata (ritorno 2 febbraio 1913)
Casale - Juventus 3-0 (andata) 1-0 (ritorno)
Torino - Pro Vercelli 0-1 (andata) 1-6 (ritorno)
Piemonte - Novara 1-0 (andata) 1-7 (ritorno)


terza giornata (andata 17 novembre 1912) - ottava giornata (ritorno 9 febbraio 1913)
Juventus - Torino 0-8 (andata) 6-8 (ritorno)
Pro Vercelli - Novara 7-0 (andata) 6-0 (ritorno)
Casale - Piemonte 5-2 (andata) 1-3 (ritorno)


quarta giornata (andata 24 novembre 1912) - nona giornata (ritorno 16 febbraio 1913)
Novara - Juventus 3-3 (andata) 0-3 (ritorno)
Pro Vercelli - Piemonte 3-0 (andata) 7-1 (ritorno)
Casale - Torino 1-1 (andata) 2-0 (ritorno)


quinta giornata (andata 19 gennaio 1913) - decima giornata (ritorno 23 febbraio 1913)
Juventus - Pro Vercelli 0-4 (andata) 0-3 (ritorno)
Piemonte - Torino 2-1  (andata) 1-11 (ritorno)
Casale - Novara 2-1 (andata) 0-0 (ritorno)


Classifica Finale : Pro Vercelli p.19 ; Casale p.13 ; Torino p. 11; Piemonte p.10; Novara p.4 ;  Juventus p.3


Pro Vercelli e Casale classificate alle finali nazionali. Juventus retrocessa in Seconda Categoria ma successivamente ripescata


Girone Ligure - Lombardo


prima giornata (andata 3 novembre 1912) - sesta giornata (ritorno 26 gennaio 1913)
Internazionale - Genoa 2-3 (andata) 1-0 (ritorno)
Milan - U.S. Milanese 6-0 (andata) 2-0 (ritorno)
Andrea Doria - Racing Libertas 3-2 (andata) 5-1 (ritorno)


seconda giornata (andata 10 novembre 1912) - settima giornata (ritorno 2 febbraio 1913)
Genoa - Andrea Doria 6-0 (andata) 5-1 (ritorno)
U.S.Milanese - Internazionale 0-2 (andata) 0-2 (ritorno)
Racing Libertas - Milan 1-2 (andata) 0-2 (ritorno)


La partita tra Milan e Racing Libertas in programma per il 2 febbraio 1913 viene rinviata. La gara viene disputata il 2 marzo del 1913 e vinta dal Milan per 1 rete a 0. Tuttavia, poichè il Racing Libertas schiera tra le sue fila un giocatore non tesserato (Martinengo), il risultato viene convertito in 2-0 a favore del Milan.


terza giornata (andata 17 novembre 1912) - ottava giornata (ritorno 9 febbraio 1913)
Racing Libertas - Genoa 0-1 (andata) 1-5 (ritorno)
Internazionale - Milan 1-2 (andata) 0-1 (ritorno)
Andrea Doria - U.S. Milanese 1-1 (andata) 1-0 (ritorno)


quarta giornata (andata 24 novembre 1912) - nona giornata (ritorno 16 febbraio 1913)
Genoa - U.S. Milanese 4-0 (andata) 5-2 (ritorno)
Racing Libertas - Internazionale 1-6 (andata) 0-5 (ritorno)
Milan - Andrea Doria 7-0 (andata) 3-2 (ritorno)


quinta giornata (andata 19 gennaio 1913) - decima giornata (ritorno 23 febbraio 1913)
Milan - Genoa 4-0 (andata) 1-4 (ritorno)
Andrea Doria - Internazionale 6-0 (andata) 1-5 (ritorno)
Racing Libertas - U.S. Milanese 2-2 (andata) 0-3 (ritorno)


Classifica Finale : Milan p.18 ; Genoa p.16 ; Internazionale p.12 ; Andrea Doria p.9 ; U.S. Milanese p.4 ; Racing Libertas p. 1


Milan e Genoa classificate alle finali nazionali. Racing Libertas retrocesso in Seconda Categoria ma successivamente ripescato


Girone Veneto - Emiliano


prima giornata (andata 3 novembre 1912) - sesta giornata (ritorno 26 gennaio 1913)
Volontari Venezia - Bologna 4-1 (andata) 0-9 (ritorno)
Hellas Verona - Vicenza 4-1 (andata) 0-1 (ritorno)
Modena - Venezia 0-2 (andata) 2-8 (ritorno)


seconda giornata (andata 10 novembre 1912) - settima giornata (ritorno 2 febbraio 1913)
Vicenza - Volontari Venezia 6-2 (andata) 1-1 (ritorno)
Bologna - Modena 1-0 (andata) 0-1 (ritorno)
Venezia -  Hellas Verona 3-0 (andata) 0-2 (ritorno)


terza giornata (andata 17 novembre 1912) - ottava giornata (ritorno 9 febbraio 1913)
Vicenza - Bologna 7-0 (andata) 4-2 (ritorno)
Hellas Verona - Modena 8-0 (andata) 4-1 (ritorno)
Volontari Venezia - Venezia 1-1 (andata) 0-5 (ritorno)


quarta giornata (andata 24 novembre 1912) - nona giornata (ritorno 16 febbraio 1913)
Bologna - Hellas Verona 1-2 (andata) 0-3 (ritorno)
Venezia - Vicenza 0-1 (andata) 0-0 (ritorno)
Modena - Volontari Venezia 0-5 (andata) 1-3 (ritorno)


quinta giornata (andata 19 gennaio 1913) - decima giornata (ritorno 23 febbraio 1913)
Bologna - Venezia 0-1 (andata) 0-8 (ritorno)
Vicenza - Modena 7-1 (andata) 4-0 (ritorno)
Hellas Verona - Volontari Venezia 2-1 (andata) 3-1 (ritorno)


Classifica Finale : Hellas Verona e Vicenza p.16 ; Venezia p.14 ; Volontari Venezia p.8 ; Bologna p.4 ; Modena p.2


Hellas Verona e Vicenza classificate alle finali nazionali. Modena retrocesso in Seconda Categoria ma successivamente ripescato


Girone Finale Nord Italia


prima giornata (andata 9 marzo 1913) - sesta giornata (ritorno 13 aprile 1913)
Genoa - Hellas Verona 5-0 (andata) 4-0 (ritorno)
Pro Vercelli - Milan 2-0 (andata) 0-0 (ritorno)
Casale - Vicenza 5-1 (andata) 3-3 (ritorno)


seconda giornata (andata 16 marzo 1913) - settima giornata (ritorno 20 aprile 1913)
Hellas Verona - Pro Vercelli 0-5 (andata) 0-4 (ritorno)
Milan - Casale 4-0 (andata) 0-2 (ritorno)
Vicenza - Genoa 1-4 (andata) 0-1 (ritorno)


terza giornata (andata 30 marzo 1913) - ottava giornata (ritorno 27 aprile 1913)
Casale - Genoa 1-1 (andata) 0-1 (ritorno)
Milan - Hellas Verona 5-1 (andata) 3-0 (ritorno)
Pro Vercelli - Vicenza 3-0 (andata) 1-0 (ritorno)


quarta giornata (andata 6 aprile 1913) - nona giornata (ritorno 4 maggio 1913)
Hellas Verona - Casale 2-5 (andata) 0-6 (ritorno)
Vicenza - Milan 0-3 (andata) 1-1 (ritorno)
Genoa - Pro Vercelli 0-1 (andata) 1-5 (ritorno)


quinta giornata (andata 13 aprile 1913) - decima giornata (ritorno 11 maggio 1913)
Pro Vercelli - Casale 1-0 (andata) 0-0 (ritorno)
Milan - Genoa 4-0 (andata) 1-4 (ritorno)
Hellas Verona - Vicenza 4-1 (andata) 0-1 (ritorno)


Classifica Finale : Pro Vercelli p.18 ; Genoa p.13 ; Milan p.12 ; Casale p.11 ; Vicenza p.4 ; Verona p.2


La Pro Vercelli accede alla Finalissima del Campionato


ITALIA CENTRO-MERIDIONALE


Girone Toscano


8 dicembre 1912
Virtus Juventusque - CS Firenze 4-2 


15 dicembre 1912
Virtus Juventusque - Spes Livorno 3-5
CS Firenze - Pisa 1-4


22 dicembre 1912
Spes Livorno - CS Firenze 6-1
Pisa - Virtus Juventusque 0-1


29 dicembre 1912
Pisa - Spes Livorno 1-1


12 gennaio 1913
Spes Livorno - Pisa 1-1
CS Firenze - Virtus Juventusque 0-1


19 gennaio 1913
Pisa - CS Firenze 0-1
Spes Livorno - Virtus Juventusque 1-1


26 gennaio 1913
CS Firenze - Spes Livorno 2-1
Virtus Juventusque - Pisa 1-0


Classifica Finale : Virtus Juventusque p.9 ; Spes Livorno p.7 ; CS Firenze e Pisa p.4


Virtus Juventusque classificata  al girone finale Italia Centro-Meridionale


Girone Campano


andata 19 gennaio 1913 - ritorno 26 gennaio 1913
Naples - Internazionale Napoli 2-1 (andata) 3-2 (ritorno)


Naples classificata al girone finale Italia Centro-Meridionale


Girone Laziale




Alba Roma Audace Esperia Audax Juventus Lazio Pro Roma Roman
Alba Roma (*)

0-2
0-2 0-2 0-2 0-2
Audace Esperia 2-0

3-3 2-6 9-1 2-1
Audax Juventus 2-0 5-1

2-2 1-0 0-3
Lazio 2-0 5-0 9-2

13-1 5-0
Pro Roma 2-0 1-4 1-5 0-9

1-9
Roman 2-0 0-2 2-3 2-2 5-0


Classifica Finale : Lazio p.18 ; Juventus Audax p.14 ; Esperia p.13 ; Roman p. 11 ; Pro Roma p.4 ; Alba p.0


(*) Le partite contro l'Alba Roma sono state tutte annullate e assegnate col risultato di 2-0 a tavolino a causa del ritiro della squadra dal Campionato


Lazio classificata al girone finale Italia Centro-Meridionale


Girone Finale ad eliminazione Italia Centro-Meridionale


2 marzo 1913


Virtus Juventusque - Lazio 1-3


9 marzo 1913


Lazio - Virtus Juventusque 3-0


16 marzo 1913


Naples - Lazio 1-2


30 marzo 1913


Lazio - Naples 1-1


La Lazio accede alla finalissima del Campionato 


Finale Campionato


La partita si svolge sul campo neutro di Genova il 1 giugno del 1913


Pro Vercelli - Lazio 6-0


Campione d'Italia : Pro Vercelli


Squadra Campione : Innocenti ; Binaschi ; Valle ; Ara ; Milano I ; Leone ; Milano II ; Berardo ; Ferraro ; Rampini I ; Corna




















 

lunedì 2 gennaio 2012

Casale

La nascita della squadra di calcio del Casale affonda le sue radici nella rivalità storica con la città di Vercelli.
Casale Monferrato e Vercelli sono da secoli rivali. In particolare nel 1215 Casale viene rasa al suolo da Vercelli che si è alleata con Alessandria e Milano. Nel 1403 Casale riesce però a riprendersi tutto ciò che le era stato tolto due secoli prima.
Nel 1908 la Pro Vercelli si aggiudica il suo primo scudetto e la cosa fa ribollire di rabbia i casalesi.
Il professore Raffaele Jaffe dell'Istituto Tecnico Leardi  si fa portabandiera della "ribellione" e del campanilismo di Casale Monferrato e, in un discorso infuocato ai suoi studenti, lancia la sfida sportiva a Vercelli.
E' cosi' che nasce, il 18 dicembre del 1909, in una scuola, il Football Club Casale. Viene nominato presidente lo stesso Jaffe. La maglia è nera (in contrapposizione a quella bianca della Pro Vercelli) sulla quale campeggia una stella bianca (da qui il nome di "nerostellati").
Inizialmente il campo di gioco è il campo sportivo Priocco. A partire dal 1913 il Casale disputa i suoi incontri in un impianto sportivo posto in località Fumasetta. Nel 1919 viene inaugurato lo stadio Natale Palli che è il terreno di gioco dove attualmente disputa i suoi incontri il Casale.
Il Casale partecipa al primo campionato di serie A nella stagione 1911/12
Tra i risultati più importanti e significativi ricordiamo sicuramente lo scudetto conquistato nella stagione 1913/14.
Dal 1934 in Casale non ha fatto più ritorno in serie A e si è destreggiato nelle categorie inferiori con risultati altalenanti. Nella stagione 1998/99 il Casale ha conquistato una Coppa Italia Dilettanti.

File:Casalecampione.jpg
Squadra del Casale campione d'Italia nella stagione 1913/14

domenica 25 dicembre 2011

Campionato del 1911-1912 : Campione d'Italia Pro Vercelli

Il torneo si svolge con la stessa formula del campionato precedente. Partecipano questa volta 10 squadre tra cui la matricola Casale (squadra di Casale Monferrato). Quest'ultima farà presto parlare di sé diventando una delle formazioni più temibili di questo periodo. Da sottolineare la superiorità di Milan e Pro Vercelli che danno vita ad un vibrante testa a testa nel girone Lombardo-Ligure-Piemontese. La finale invece dimostra come le formazioni venete ed emiliane non siano ancora ad un livello competitivo rispetto alle formazioni lombarde, liguri e piemontesi : la Pro Vercelli supera il Venezia con un risultato complessivo di 13 reti a 0 !

Girone Lombardo-Ligure-Piemontese


prima giornata (andata 8 ottobre 1911) - decima giornata (ritorno 10 dicembre 1911)
Casale - Internazionale 0-3 (andata) 1-0 (ritorno)
Genoa - U.S. Milanese 3-2 (andata) 2-3 (ritorno)
Milan - Piemonte 1-1 (andata) 3-0 (ritorno)
Pro Vercelli - Andrea Doria 3-0 (andata) 2-0 (ritorno)
Torino - Juventus 2-1 (andata) 1-1 (ritorno)


seconda giornata (andata 15 ottobre 1911) - undicesima giornata (ritorno 17 dicembre 1911)
Juventus - Genoa 1-5 (andata) 0-2 (ritorno)
Internazionale - Torino 1-1 (andata) 1-2 (ritorno)
Pro Vercelli - Milan 1-1 (andata) 2-2 (ritorno)
Piemonte - Casale 2-1 (andata) 0-2 (ritorno)
U.S.Milanese - Andrea Doria 1-2 (andata) 1-4 (ritorno)


terza giornata (andata 22 ottobre 1911) - dodicesima giornata (ritorno 7 gennaio 1912)
Genoa - Internazionale 3-2 (andata) 3-1 (ritorno)
Juventus - Andrea Doria 4-0 (andata) 0-1 (ritorno)
Milan - U.S. Milanese 6-0 (andata) 5-1 (ritorno)
Piemonte - Pro Vercelli 1-6 (andata) 2-4 (ritorno)
Torino - Casale 1-0 (andata) 2-2 (ritorno)


quarta giornata (andata 29 ottobre 1911) - tredicesima giornata ( ritorno 14 gennaio 1912)
Casale - Genoa 1-2 (andata) 1-1 (ritorno)
Internazionale - Andrea Doria 4-0 (andata) 2-0 (ritorno)
Juventus - Milan 0-4 (andata) 1-8 (ritorno)
Torino - Piemonte 2-1 (andata) 3-0 (ritorno)
Pro Vercelli - U.S. Milanese 3-0 (andata) 7-0 (ritorno)


quinta giornata (andata 5 novembre 1911) - quattordicesima giornata (ritorno 21 gennaio 1912)
Genoa - Torino 2-2 (andata) 2-2 (ritorno)
Milan - Internazionale 2-1 (andata) 3-0 (ritorno)
Pro Vercelli - Juventus 1-0 (andata) 3-1 (ritorno)
Andrea Doria - Casale 2-1 (andata) 0-3 (ritorno)
U.S. Milanese - Piemonte 3-1 (andata) 1-1 (ritorno)


sesta giornata (andata 12 novembre 1911) - quindicesima giornata (ritorno 28 gennaio 1912)
Casale - Milan 0-1 (andata) 0-6 (ritorno)
Genoa - Piemonte 5-1 (andata) 2-0 (ritorno)
Internazionale - Pro Vercelli 2-1 (andata) 1-3 (ritorno)
Juventus - U.S. Milanese 1-1 (andata) 0-2 (ritorno)
Torino - Andrea Doria 2-0 (andata) 1-3 (ritorno)


settima giornata (andata 19 novembre 1911) - sedicesima giornata (ritorno 4 febbraio 1912)
Andrea Doria - Genoa 1-2 (andata) 1-1 (ritorno)
Milan - Torino 3-1 (andata) 6-1 (ritorno)
U.S. Milanese - Internazionale 0-5 (andata) 0-2 (ritorno)
Piemonte - Juventus 1-4 (andata) 2-5 (ritorno)
Pro Vercelli - Casale 3-0 (andata) 2-1 (ritorno)


ottava giornata (andata 26 novembre 1911) - diciassettesima giornata (ritorno 11 febbraio 1912)
Genoa - Milan 1-0 (andata)  0-1 (ritorno)
Internazionale - Juventus 6-1 (andata) 4-0 (ritorno)
Torino - Pro Vercelli 1-5 (andata) 0-1 (ritorno)
Casale - U.S. Milanese 2-0 8andata) 1-0 8ritorno)
Andrea Doria - Piemonte 8-0 (andata) 2-1 (ritorno)


nona giornata (andata 3 dicembre 1911) - diciottesima giornata (ritorno 18 febbraio 1912)
Juventus - Casale 2-2 (andata) 0-2 (ritorno)
Milan - Andrea Doria 4-0 (andata) 4-0 (ritorno)
U.S.Milanese - Torino 0-1 (andata) 2-6 (ritorno)
Piemonte - Internazionale 0-2 (andata) 1-5 (ritorno)
Pro Vercelli - Genoa 2-0 (andata) 1-0 (ritorno)


Classifica Finale
Pro Vercelli p.32 ; Milan p.31 ; Genoa p.24 ; Internazionale e Torino p.21 ; Casale e Andrea Doria p.15 ; Juventus p.9 ; U.S. Milanese p.8 ; Piemonte p.4


Girone Veneto-Emiliano


3 dicembre 1911 (andata) - 15 gennaio 1912 (ritorno)
Hellas Verona - Vicenza 2-1 (andata) 0-1 (ritorno)


10 dicembre 1911 (andata) - 21 gennaio 1912 (ritorno)
Bologna - Hellas Verona 2-2 (andata) 1-2 (ritorno)
Vicenza - Venezia 5-1 (andata) 0-1 (ritorno)


17 dicembre 1911 (andata) - 29 gennaio 1912 (ritorno)
Venezia - Hellas Verona 3-2 (andata) 1-1 (ritorno)
Bologna - Vicenza 3-2 (andata) 0-1 (ritorno)


14 gennaio 1912 (andata) - 4 febbraio 1912 (ritorno)
Bologna - Venezia 3-0 (andata) 1-2 (ritorno)


Classifica Finale
Venezia p.7 ; Vicenza e Hellas Verona p.6 ; Bologna p.5


Finale Campionato 


28 aprile 1912 (andata) - 5 maggio 1912 (ritorno)
Venezia - Pro Vercelli 0-6 (andata) 0-7 (ritorno)


Squadra Campione
Innocenti, Binaschi, Velle, Ara, Milano I, Leone, Milano II, Berado, Ferraro, Rampini I, Corna













 

sabato 24 dicembre 2011

Bologna


File:Il Resto del Carlino 4 ottobre 1909.jpg
Resto del Carlino 1909 : fondazione Bologna


Il Bologna Football Club 1909 nasce come sezione "per le esercitazioni in campo aperto" del Circolo Turistico Bolognese. La fondazione avviene il 3 ottobre 1909 nel capoluogo emiliano presso la libreria Ronzani di via Spaderie grazie all'iniziativa del boemo Emilio Arnstein.
Viene eletto presidente l'odontoiatra svizzero Louis Rouch.
Louis Rouch

Nell'inverno del 1910 il Bologna Football Club si separa dal Circolo Turistico. I colori sociali della squadra sono il rosso e il blu. Inizialmente la squadra gioca sui prati di Caprara, poi al campo sportivo in località Cesoia e successivamente, nel 1913, allo stadio Sterlino. Nel 1927 nasce lo stadio "Littorio" voluto dal politico fascista Leandro Arpinati. Il nuovo stadio prenderà il nome, nel corso degli anni, di "Comunale" e infine di "Dall'Ara" (storico presidente del Bologna a cui viene dedicato lo stadio).
A partire dal 2009 la curva dello stadio Dall'Ara occupata dai sostenitori rossoblù e stata dedicata al grande giocatore del Bologna Giacomo Bulgarelli morto nello stesso anno.
Il Bologna disputa il suo primo campionato di serie A nella stagione 1911/12.
File:La prima maglia rossoblù del bologna 1909-10..jpg
Prima formazione del Bologna
Tra i migliori risultati ottenuti dal Bologna ricordiamo :  7 scudetti (1924/25 ; 1928/29 ; 1935-36 ; 1936/37 ; 1938/39 ; 1940/41 ; 1963/64) , 2 Coppe dell'Europa Centrale ( 1931/32 ; 1933/34),2 Coppe Italia
( 1969/70 ; 1973-74),1 Coppa Alta Italia ( 1945/46) .
Tra i giocatori più famosi ricordiamo Angelo Schiavio, Amedeo Biavati, Giacomo Bulgarelli e Giuseppe Savoldi.
File:Giacomo Bulgarelli.jpg
Giacomo Bulgarelli
Libri che vi consiglio per approfondire la storia del Bologna Football Club

Vicenza


File:600px Bianco e Rosso (Strisce) con R dorata.png

L'Associazione Calcio in Vicenza nasce nel marzo del 1902. I colori sociali sono il bianco e il rosso. Il campo di gioco è inizialmente il campo di Borgo Casale, inaugurato nel 1911. A partire dal 1935  il Vicenza disputerà le proprie gare allo stadio Romeo Menti (inizialmente chiamato "Campo Sportivo del Littorio e intitolato al giocatore Romeo Menti nel 1949).  La squadra partecipa al primo campionato di serie A nella stagione 1910/1911 guadagnando subito la finalissima contro la Pro Vercelli. La squadra piemontese però vince la gara dimostrando di essere una delle formazioni più forti di quel periodo della nostra storia calcistica.
Nel giugno del 1953 la Lanerossi, industria laniera di Schio, acquista il Vicenza. Si tratta di una svolta importante sia a livello economico e societario che per quanto riguarda i risultati sul campo. Sulle maglie della squadra compare la "R", simbolo della Lanerossi (vedi immagine in alto a destra). A partire dagli anni ottanta la squadra veneta assumerà il nome di Lanerossi Vicenza.
Tra i migliori risultati ottenuti dalla squadra ricordiamo : la finalissima contro la Pro Vercelli nel 1911, il secondo posto nella stagione 1977/78, la Coppa Italia vinta nel 1996/97, il raggiungimento della semifinale di Coppa delle Coppe nel 1997/98.
Da non dimenticare che hanno vestito la maglia del Vicenza giocatori famosissimi della storia del nostro calcio tra i quali ricordiamo in particolare Paolo Rossi, Roberto Baggio, Luis Vinicio e Romeo Menti (giocatore con il maggior numero di presenze : 306)
File:Pablito vi.jpg
Paolo Rossi
File:Roberto Baggio - Vicenza.jpg
Roberto Baggio
File:Luis vinicio.jpg
Luis Vinicio


 

domenica 18 dicembre 2011

Hellas Verona

La Hellas Verona nasce nel 1903 grazie all'iniziativa di un gruppo di studenti del liceo classico Maffei che decidono di mettere assieme una squadra di calcio. Il nome Hellas viene adottato su proposta del professore di greco Decio Corubolo. Hellas è infatti il nome con cui i greci designano la propria nazione.
Viene nominato presidente il giovane conte Fratta Pasini che ricopre anche il ruolo di portiere e capitano della squadra.
I colori sociali sono il giallo e il blu che riprendono quelli dello stemma della città. 
Il campo di gioco del Verona, dal 1910, è lo stadio Bentegodi che viene ristrutturato e modernizzato nel 1963 e successivamente migliorato nel corso degli anni (in particolare durante i mondiali in Italia del 1990).
Alla squadra vengono dati due soprannomi che si riferiscono a Mastino Della Scala della Signoria Della Scala che governò la città tra il tredicesimo e il quattordicesimo secolo : "i mastini" e "gli scaligeri" 
Lo stemma araldico degli Scaligeri (due mastini rivolti in direzioni opposte) è rappresentato sulle divise di gioco.
Il Verona partecipa al primo campionato di serie A nel 1911.
Nella sua lunga storia il Verona ha ottenuto anche dei risultati degni di una certa rilevanza.
Innanzitutto ricordiamo lo scudetto vinto nel 1984-85 che è degno di nota soprattutto perché conquistato contro il predominio delle grandi squadre che hanno dominato da sempre il calcio italiano. In virtù di questo titolo il Verona ha l'onore di partecipare, l'anno successivo, alla Coppa dei Campioni anche se non va oltre gli ottavi di finale.
Ma non dobbiamo dimenticare anche le tre finali di Coppa Italia disputate nel 1974-75, nel 1982-83 e nel 1983-84 conquistate con grande impegno e volontà anche senza ottenere la vittoria finale.
Attualmente il Verona milita nel campionato di serie B dopo aver attraversato periodi recenti non particolarmente esaltanti. 

Foto degli studenti fondatori dell'Hellas Verona


Foto d'epoca di una formazione dell'Hellas Verona
File:HellasVerona.jpg

Foto della squadra del Verona Campione d'Italia nella stagione 1984/85
File:SquadraHellas84-85.jpg
 

sabato 17 dicembre 2011

Piemonte Football Club

Poche notizie abbiamo su questa formazione nata a Torino nel 1910. Il Piemonte partecipa al campionato di serie A dal 1910-11 al 1914-15. Dopodiché la società si scioglie nel 1915 e non viene più ricostituita.
I colori sociali sono il rosso e il blu. 
 

venerdì 16 dicembre 2011

Campionato del 1910-1911 : Campione d'Italia Pro Vercelli

Il campionato si allarga rispetto al torneo precedente grazie all'adesione di quattro nuove società che prendono parte per la prima volta alla massima serie : Vicenza, Hellas Verona, Bologna e Piemonte
La formula prevede due gironi interregionali eliminatori con finale tra le vincitrici dei due gironi.
Il calendario delle partite questa volta è più organico ed organizzato : le date degli incontri vengono prestabilite secondo quello che potrebbe essere un calendario calcistico moderno.
In realtà alcune partite vengono giocate in altre date rispetto a quelle stabilite, a causa soprattutto delle abbondanti nevicate dell'inverno del 1911. Di seguito riportiamo il calendario approvato dalla Federazione senza indicare quali incontri subiranno in realtà uno spostamento delle date di svolgimento.

Girone Ligure-Lombardo-Piemontese

prima giornata (andata 27 novembre 1910) - decima giornata (ritorno 12 febbraio 1911)
Genoa - Milan 0-3 (andata) 0-2 (ritorno)
Internazionale - U.S. Milanese 5-1 (andata)  4-0 (ritorno)
Juventus - Piemonte 1-1 (andata) 1-1 (ritorno)
Torino - Andrea Doria 2-1 (andata) 2-3 (ritorno)
Riposa : Pro Vercelli

seconda giornata (andata 2 dicembre 1910) - undicesima giornata (ritorno 19 febbraio 1911)
Andrea Doria - Juventus 0-2 (andata) 2-4 (ritorno)
Milan - Pro Vercelli 0-0 (andata) 0-1 (ritorno)
Piemonte - Internazionale 2-3 (andata) 2-4 (ritorno)
U.S. Milanese - Genoa 1-0 (a tavolino - andata) 1-3 (ritorno)
Riposa : Torino

terza giornata (andata 11 dicembre 1910) - dodicesima giornata (ritorno 26 febbraio 1911)
Internazionale - Andrea Doria 1-2 (andata) 0-3 (ritorno)
Juventus - Torino 1-3 (andata) 1-2 (ritorno)
Genoa - Piemonte 0-1 (andata) 2-1 (ritorno)
Pro Vercelli - U.S. Milanese 7-2 (andata) 5-0 (ritorno)
Riposa : Milan

quarta giornata (andata 18 dicembre 1910) - tredicesima giornata (ritorno 5 marzo 1911)
U.S. Milanese - Milan 3-6 (andata) 2-0 (ritorno)
Torino - Internazionale 0-1 (a tavolino - andata) 1-0 (ritorno)
Genoa - Andrea Doria 3-2 (andata) 1-2 (ritorno)
Piemonte - Pro Vercelli 2-2 (andata) 0-3 (ritorno)
Riposa : Juventus

quinta giornata (andata 28 dicembre 1910) - quattordicesima giornata (ritorno 12 marzo 1911)
Genoa - Torino 1-2 (andata) 5-1 (ritorno)
Juventus - Internazionale 0-2 (andata) 1-1 (ritorno)
Milan - Piemonte 7-1 (andata) 0-0 (ritorno)
Pro Vercelli - Andrea Doria 3-1 (andata) 2-0 (ritorno)
Riposa : U.S. Milanese

sesta giornata (andata 4 gennaio 1911) - quindicesima giornata (ritorno 19 marzo 1911)
Andrea Doria - Milan 1-7 (andata) 1-0 (ritorno)
Juventus - Genoa 4-0 (andata) 0-3 (ritorno)
Torino - Pro Vercelli 2-0 (per rinuncia - andata) 1-3 (ritorno)
Piemonte - U.S. Milanese 1-0 (andata) 2-3 (ritorno)
Riposa : Internazionale

settima giornata (andata 22 gennaio 1911) - sedicesima giornata (ritorno 26 marzo 1911)
Genoa - Internazionale 1-0 (a tavolino - andata) 3-0 (ritorno)
Juventus - Pro Vercelli 0-4 (andata) 0-0 (ritorno)
Milan - Torino 5-0 (andata) 1-5 (ritorno)
U.S.Milanese - Andrea Doria 0-3 (andata) 0-3 (ritorno)
Riposa : Piemonte

ottava giornata (andata 29 gennaio 1911) - diciassettesima giornata (ritorno 23 aprile 1911)
Internazionale - Pro Vercelli 0-3 (andata) 0-4 (ritorno)
Juventus - Milan 0-2 (andata) 0-3 (ritorno)
Torino - U.S.Milanese 5-0 (andata) 0-1 (ritorno)
Andrea Doria - Piemonte 3-1 (andata) 1-2 (ritorno)
Riposa : Genoa

nona giornata (andata 5 febbraio 1911) - diciottesima giornata (ritorno 30 aprile 1911)
Internazionale - Milan 0-2 (andata) 3-6 (ritorno)
Juventus - U.S. Milanese 0-1 (andata) 1-4 (ritorno)
Piemonte - Torino 2-1 (andata) 2-4 (ritorno)
Genoa - Pro Vercelli 0-1 (andata) 0-6 (ritorno)
Riposa : Andrea Doria

Classifica Finale
Pro Vercelli p.27 ; Milan p.22 ; Torino p.18 ; Andrea Doria p.16 ; Genoa p. 14 ; Internazionale p. 13 ; Piemonte e U.S. Milanese p.12 ; Juventus p.10

Girone Veneto-Emiliano

prima giornata (andata 5 febbraio 1911) - quarta giornata (ritorno 26 febbraio 1911)
Hellas Verona - Vicenza 0-2 (andata) 2-7 (ritorno)
Venezia - Bologna 2-4 (andata) 0-3 (ritorno)

seconda giornata (andata 12 febbraio 1911) - quinta giornata (ritorno 5 marzo 1911)
Venezia - Hellas Verona 0-1 (a tavolino - andata) 0-2 (per rinuncia - ritorno)
Vicenza - Bologna 6-1 (andata) 4-0 (ritorno)

terza giornata (andata 19 febbraio 1911) - sesta giornata (ritorno 12 marzo 1911)
Hellas Verona - Bologna 4-1 (andata) 4-2 (ritorno)
Vicenza - Venezia 1-0 (per rinuncia - andata) 1-0 (per rinuncia - ritorno)

Classifica Finale
Vicenza p. 12 ; Hellas Verona p.8 ; Bologna p.4 ; Venezia p.0

Finali di Campionato
Pro Vercelli - Vicenza 3-0 (giocata a Vercelli l'11 giugno del 1911)
Vicenza - Pro Vercelli 1-2 (giocata a Vicenza il 18 giugno del 1911)

Squadra Campione
Innocenti , Binaschi, Valle, Ara, Milano I, Leone, Milano II, Berardo, Ferraro; Rampini I, Corna



 

giovedì 15 dicembre 2011

Ausonia

L'Ausonia Football Club viene fondata a Milano nel 1905 dalla casa automobilistica Ausonia con l'intento di fare pubblicità alle proprie vetture. I colori sociali sono il rosso e il nero. Il terreno di gioco è il Trotter di Milano.
L'Ausonia partecipa al suo primo e ultimo campionato di serie A nel 1909/1910 ottenendo in prestito Trerè e Rizzi dal Milan e Bontadini dall'Internazionale. La squadra però si dimostra non all'altezza delle altre compagini del campionato e decide di non iscriversi al torneo successivo.
Nel 1912 diviene la sezione calcio della società sportiva Pro Gorla assumendo il nome di Ausonia Pro Gorla e adottando una divisa bianco-celeste a strisce verticali. Il terreno di gioco è il campo della società sportiva in Viale Monza a Milano.
Nel 1921-22 l'Ausonia si divide dalla Pro Gorla e si fonde con l'Ardita Football Club di Milano assumendo il nome di Ardita-Ausonia Football Club.
Nel 1925, a causa dei pessimi risultati ottenuti nelle serie minori ma soprattutto a causa delle ridotte risorse economiche della società, l'Ausonia si scioglie definitivamente terminando la sua carriera calcistica.

Una formazione dell'Ausonia del 1910

File:Ausonia Milano 1910-11.jpg

Una formazione dell'Ausonia Pro Gorla del 1919

File:Ausonia Pro Gorla a Bergamo il 12-10-1919.jpg
 

Campionato del 1909-1910 : Campione d'Italia Internazionale

Nell'agosto del 1909 la Federazione opera un'importante cambiamento per quanto concerne lo svolgimento del campionato di calcio italiano : viene adottata la formula del girone unico, sul modello della English League britannica, dove tutte le squadre si affrontano con partite di andata e ritorno. Tuttavia non esiste un calendario organico degli incontri e le partite vengono giocate secondo la disponibilità delle squadre. Il torneo del 1910 parte pertanto con questa novità anche se sarà un campionato rovinato dalle polemiche. Partecipano nove squadre tra cui la matricola Ausonia di Milano. Vincerà lo scudetto (il primo della sua storia) l'Internazionale di Milano.
Ma proprio sulla designazione di questo scudetto ci sono feroci contestazioni.
In breve : alla fine del girone unico Internazionale e Pro Vercelli si trovano a pari punti ed è necessario disputare una gara di spareggio. Poiché la formazione piemontese ha un miglior quoziente reti la gara deve essere disputata a Vercelli e la Federazione stabilisce la data dell'incontro per il 24 aprile del 1910. Il caso vuole che per quella data la Pro Vercelli abbia alcuni dei suoi migliori giocatori impegnati in un torneo militare e pertanto i vercellesi chiedono che venga spostato il giorno della finale. 
La Federazione e l'Internazionale però rifiutano la proposta e la Pro Vercelli, per protesta, schiera nella finale una squadra composta da ragazzini dai dieci ai quindici anni. Ovviamente il risultato finale non può che essere "tennistico" con un sonoro 10-3 per la formazione milanese.
A seguito di questa protesta la Pro Vercelli subisce una squalifica di un anno poi ridotta, grazie ad un'amnistia, a sei mesi.

Girone Unico

7 novembre 1909
Genoa - U.S. Milanese 1-0                                               
Internazionale - Ausonia 2-2
Juventus - Torino 1-3
Pro Vercelli - Andrea Doria 1-0

14 novembre 1909
Juventus - Internazionale 2-0
Milan - Ausonia 2-1
U.S. Milanese - Torino 3-2
Pro Vercelli - Genoa 5-2

21 novembre 1909
Internazionale - Pro Vercelli 1-4
Genoa - Ausonia 6-2
U.S. Milanese . Milan 2-1
Torino - Juventus 0-3

28 novembre 1909
Genoa - Andrea Doria 3-1
Internazionale - Juventus 1-0
Torino - Milan 6-2
Ausonia - Pro Vercelli 0-4

5 dicembre 1909
Ausonia - Juventus 2-2
Torino Internazionale 3-4
U.S.Milanese - Pro Vercelli 3-6
Andrea Doria - Milan ----Rinviata

12 dicembre 1909
Andrea Doria - Torino 3-1
Internazionale - Genoa 2-0
Juventus - Ausonia 6-0
Milan - U.S. Milanese 1-0

19 dicembre 1909
Genoa - Milan 0-1
U.S. Milanese - Juventus 0-2
Pro Vercelli - Internazionale 1-2
Torino - Andrea Doria 5-0

2 gennaio 1910
Ausonia - Internazionale 2-6
Milan - Pro Vercelli 0-3
Torino - Genoa ----Rinviata
Andrea Doria - U.S. Milanese 4-2

9 gennaio 1910
Torino - U.S. Milanese 13-1
Genoa - Pro Vercelli 1-2

16 gennaio 1910
Ausonia - Genoa 3-3
Juventus - Milan 5-3
U.S. Milanese - Internazionale 2-5
Andrea Doria - Pro Vercelli 2-0

23 gennaio 1910
Milan - Juventus 0-1
Pro Vercelli - U.S. Milanese 5-1
Andrea Doria - Ausonia 3-0
Internazionale - Torino ----Rinviata

30 gennaio 1910
Andrea Doria - Genoa 3-0
Ausonia - Milan 2-2
Internazionale - U.S. Milanese 7-2
Juventus - Pro Vercelli 0-0

6 febbraio 1910
Ausonia - Andrea Doria 0-0
Genoa - Juventus 3-0 (annullata)
Milan - Internazionale 0-5
Torino - Pro Vercelli 2-4

13 febbraio 1910
Juventus - Andrea Doria 4-0
Milan - Genoa 1-0
Pro Vercelli - Torino 0-1
U.S. Milanese - Ausonia 5-1

20 febbraio 1910
Internazionale - Andrea Doria 5-0
Pro Vercelli - Milan 4-0
U.S. Milanese - Genoa 3-3
Torino - Ausonia 2-0 (a tavolino)

27 febbraio 1910
Ausonia - U.S. Milanese 1-4
Genoa - Torino 0-0
Internazionale - Milan 5-1
Pro Vercelli - Juventus 4-0

6 marzo 1910
Andrea Doria - Internazionale 1-3
Juventus - Genoa 0-2 (a tavolino)
Milan - Torino 0-1
Pro Vercelli - Ausonia 3-0

3 aprile 1910
Genoa - Internazionale 4-0

10 aprile 1910
Andrea Doria - Juventus 0-1
Internazionale - Torino 7-2

17 aprile 1910
Andrea Doria - Milan 1-7
Ausonia - Torino 0-2 (a tavolino)

24 aprile 1910
Juventus - U.S. Milanese 1-2
Milan - Andrea Doria 2-0 (a tavolino)
Torino - Genoa 0-2

1 maggio 1910
Genoa - Juventus 2-0 (a tavolino)
U.S. Milanese - Andrea Doria 5-0

Classifica Finale
Internazionale e Pro Vercelli p.25 ; Juventus p.20; Torino p.17 ; Genoa p.15; U.S. Milanese p.13 ; Milan e Andrea Doria p. 12 ; Ausonia p. 5

FINALE Campionato
Gara disputata il 24 aprile del 1910 a Vercelli. Abbiamo visto in apertura che il risultato è stato condizionato dal fatto che, per protesta, la Pro Vercelli ha schierato una formazione di ragazzini tra i 10 e i 15 anni.

Pro Vercelli - Internazionale 3-10

Squadra campione
Campelli, Fronte, Zoller, Yenni, Fossati I, Stebler, Capra, Peyer, Peterlj, Aebi, Schuler

 File:Inter 1° Scudetto 1909-10.jpg